Red Devil, Queen Maya & Co.: la via italiana al Wrestling

ICWNon si tratta solo di sport e intrattenimento. Per chi lo pratica è una passione, una valvola di sfogo, una droga. È adrenalina allo stato puro: ilwrestling ha messo radici nel nostro Paese ormai da 15 anni. Nelle palestre dell’hinterland milanese e torinese, decine di atleti si allenano a cadere, a incassare pugni e calci, a emozionare il pubblico. In tutta Italia sono circa200 e ogni giorno sudano sul ring per inseguire un sogno: combattere negliStati Uniti, in WWE, la più importante federazione di wrestling mondiale.

“L’allenamento è costante, deve esserlo, perché è una disciplina molto impegnativa”. Sdraiato sulla panca, il campione italiano Fabio Ferrari termina l’ultima serie di sollevamenti con il bilanciere. In Piemonte lo conoscono in tanti: su Youtube e Facebook ha un largo seguito di fan. Trent’anni, originario di Genova, in arte è Red Devil e il 9 maggio dovrà difendere il titolo a None, provincia di Torino. “Combatto in Europa ma anche oltreoceano da circa 14 anni”. È stato ingaggiato ai Caraibi e in Africa, dopo aver affrontato la leggenda giapponese Dick Togo e i campioni Jamie Noble, Juventud Guerrerae Cesaro. Principalmente però ruba la scena sui ring dell’ICW (Italia Championship Wrestling).

“Tutto è cominciato quando avevo sei anni. Guardando la tv mi capitò un incontro tra Hulk Hogan ed Earthquake e ne rimasi affascinato. Un mondo di luci, costumi, grandi atleti e una teatralità incredibile”.

L’eccitazione provata davanti alla tv presto non basta. Fabio non vuole limitarsi a guardare i suoi eroi. Vuole essere uno di loro. A 17 anni si convince e vola in Inghilterra, per allenarsi alle Academy di Portsmouth e di Essex:

“I miei genitori, all’inizio, hanno storto un po’ il naso, mi hanno accompagnato all’aeroporto un po’ preoccupati. Ma era il mio sogno da sempre. Si sono abituati alla mia passione poco alla volta e non si sono mai opposti. Andare all’estero per imparare questa disciplina era la naturale prosecuzione dei miei anni da fan”.

Tornato a casa, Red Devil ha fondato con altri atleti l’ICW. Nel 1999 c’erano molti siti che parlavano di wrestling. Gli appassionati ne scrivevano e discutevano, ma da noi non esisteva una realtà simile a quella statunitense. Alla fine alcuni lottatori hanno deciso di collaborare per dare vita a una lega italiana di wrestler: in poco tempo è diventata la terza federazione in Europa.

Ne fa parte anche Adele Bernocchi, mamma da nove mesi di due gemelline, lavoratrice, moglie e regina del wrestling. Sul ring è Queen Maya, 6 volte vincitrice del titolo di campionessa italiana. “La si considera una disciplina fatta solo di finzione. In realtà è uno sport reale, molto fisico. Per praticarlo, devi essere veramente un atleta”. Bisogna sviluppare i muscoli e la resistenza con un adeguato allenamento in palestra. Esercizio fisico, ma anche molte rinunce. “Richiede tanto tempo, tanta fatica – racconta Adele -. Saremo a None, poi a Firenze e Perugia. È tutto tempo che tolgo ai miei cari, alle mie figlie”. Una scelta difficile a volte, ma che appaga:

“Ti senti vivo, ti senti felice. L’adrenalina che si prova quando suona la tua musica, esci e senti gli applausi del pubblico, è una sensazione indescrivibile”.

Negli Stati Uniti fare wrestling è un lavoro: i tornei sono un business, gli atleti sono ben pagati. Non vale lo stesso nel nostro Paese: “Sarebbe un sogno poter vivere della nostra passione”, continua Queen Maya. In Italia invece è ancora un intrattenimento di nicchia, ma con grandi ambizioni. “Facciamo spettacoli davanti a migliaia di persone, andiamo in tv”, precisa Fabio. E aggiunge: “Soldi ancora non ne girano, perché questo sport non è ancora arrivato al grande pubblico, ma l’obiettivo è quello”.

 

Pubblicato su Reporternuovo

Advertisements

Immigrati. Il “tesoretto” nascosto

lavoratori-stranieri-in-edilizia2_permesso_di_soggiornoUn costo per il Paese o una risorsa economica? Tra prelievi fiscali e contributi previdenziali versati dagli stranieri, l’Italia incassa  circa 16,5 miliardi. Al netto delle spese pubbliche destinate agli immigrati regolari e irregolari, il saldo per lo Stato è di quasi 4 miliardi. Sono quasi 500mila, tra imprese e partite iva, le persone nate all’estero che contribuiscono allo sviluppo dell’economia nazionale. Siamo andati a conoscere alcuni di loro.

Pubblicato per Reporter Nuovo

The origin of the Islamic State

It’s more than a jihadist group. Cruel in war, ruthless with its hostages, radical in purposes. The Islamic State (Is) has been trying to establish a caliphate throughout the Middle East and the North Africa. Cunning military strategists on the battlefield,  social network experts on the web, Is leaders are determined to eliminate each obstacle to the achievement of their project of grandeur.

The origin. The Islamic State (Daish in Arabic) was born from the ashes of al-Qaeda in Iraq. In 2003, Us troops intervened in Baghdad so as to oust Saddam Hussein. The Iraqi war had broken out: with the end of the dictatorial rule, the nationalist party in power (the Baath) was declared illegal and the army disbanded. The country was divided by ethnic and religious differences. The Shiites , the majority of population, started to administer the State in the post-Saddam era. The sectarian policy of the government, the discrimination and the violence suffered by minority groups (especially Sunnis) worsened the instability of the country and its domestic divisions. The ideal soil for the insurrectional strategy of Abu Musab al-Zarqawi.

Afghan war (1979-1989) veteran, al-Zarqawi was a Jordan mujahidin. After fighting against Soviets in Kabul, he came back to his motherland in order to try a coup against the monarchy. He failed and was arrested in 1994.  After 5 years in jail, he went to the Taliban Afghanistan, which was attacked by Us raids. Then, he flew to Iraq, where he pledged allegiance to al-Qaeda and founded Aqi (al-Qaeda in Iraq) in 2004.

The two organizations differed in some respects. On the one hand, Zarqawi used the violence in a brutal way because – he thought – it was necessary to purify corrupted society; conversely, Al-Qaeda leaders wanted to defeat apostate regimes avoiding, whenever possible, to harm the image of Jihad. On the other hand, al-Qaeda, founded by Osama Bin Laden and then directed by al-Zawahiri, wanted to be a Sunni foreign legion with a mission: defending Islamic territories from the western invasion. Differently, Aqi  aimed to create a Sunni caliphate in Baghdad: a new state, with its territory and its boundaries. Nevertheless, the alliance held on: al-Zarqawi network was a powerful fifth column in Iraq; Aqi, instead, attempted to make use of the most famous terrorist organization brand to fill the ranks and grow up.

To fulfill its goals, al-Zarqawi envisioned an effective strategy: provoking an institutional crisis in Iraq, fuelling a sectarian conflict between Sunnis and Shiites, two rivals of a zero-sum game for the conquest of political power. In 2006, the al-Askari Shiite mosque shelling in the city of Samarra triggered a bloody civil war.

Isis. That year al-Zarqawi died, killed by American artillery. The movement, which changed name in Islamic state of Iraq (Isi), was weak: the military Us advance in 2007 was impressive and new raids in 2010 annihilated the new leader Abu Omar al-Baghdadi. The battle appeared won and the White House brought troops home, leaving the management of security to Iraqi army. It was too soon. Isi was re-organizing very fast under the rule of Abu Bakr al-Baghdadi, who dreamt a great Islamic caliphate stretching from Iraq and Syria to Lebanon and Palestine, passing through Jordan. The jihadist group started to be known as Isis (Islamic State of Iraq and Syria) or Isil (Islamic State of Iraq and the Levant).

It was easy in Iraq. Us troops withdrew in 2011 but the Iraqi army, divided along sectarian lines, was not capable of facing a guerrilla war against jihadists: soldiers were not professional and their equipment was inadequate. Besides, the Shiite government of Nuri al-Maliki favored its ethnic and religious component, marginalizing the other groups: state police often killed pacific protesters and arrested Sunni civilians using terrorism law as a pretext. Isis leveraged these two elements to recruit militants and to prepare its war of conquest. A conflict which transformed soon into an epic fight, necessary and legitimated by god. A struggle which reached Syria, swallowed up  by civil war. In Damascus, al-Baghdadi launched an offensive against the regime of Bashar al-Assad, Alawite (Shiite branch) president, accused of having slaughtered Sunni population.

Syria Map (March 2014). Source: http://www.vox.com/

Syria_areas_of_control_March_2014

Overwhelming offensive. Jihadists conquered the Syrian North-east and set their stronghold up.  They consolidated their positions in the northern region of Iraq and destroyed the frontier between the two countries – established by Sykes-Picot agreement (1916), which gave to United Kingdom and France the control of, respectively, Iraq and Syria.

In occupied territories, Isis have imposed a radical version of Sharia law. It have obliged minority groups – as Christians and Yazidis – to run away. Militants have been executing Shiites and kidnapping foreign people, beheading them in front of cameras. By using internet and social networks, they have been spreading all over the world the images of their truculent acts. They have been publishing a magazine in many languages (Dabiq). They have been successful: foreign fighters and lone wolfs have been exporting Isis war beyond Middle East boundaries.

The Islamic state was proclaimed in June 2014, after Mosul collapse. Al-Baghdadi was appointed caliph. He began a war which will never end – he said – until Is flags wave over Rome.

o-COLOSSEO-Isis

Hegemonic ambitions. The Islamic State is not a guerrilla group or a transnational jihadist movement. It is an efficient and multi-level organization, radical in its aspirations and extremist in its ideology. Its aim is to develop a territorial state within delimited frontiers.

Today, the caliphate reigns over a region which stretches from Aleppo (Syria) to Fallujah (Iraq). An area which consists of 270.000 Km2 and includes the provinces of Al Anbar, Salhuddine, Ninive, Hama, Aleppo, Hassakè, Raqqa and Dier al Zour: a region which is almost as big as Italy, where they live 11 million inhabitants. The Is moves towards the West, with attacks in Lebanon. And it uses its bridge-heads in Libya in order to expand all over the North-Africa.

Domestic Policy. In the Middle East chaos reigns. The Islamic State, conversely, guarantees order and wellbeing inside its borders. As Charles Lister explains in “Profiling the Islamic State”, the caliphate have developed an efficient welfare state model, which is successful above all in contexts of great instability. In Iraq, al-Baghdadi have offered to Sunnis a viable alternative to oppressive Shiite regimes. Made of war, violence and submission to a radical interpretation of Sharia. But also structured as a bureaucratic and functioning organization, able to assure medical and social care, primary goods and education. After having conquered a new city, Is “officials” administer all aspects of public life: they levy taxes, pay soldiers with good wages and manage the justice. Often in an extreme way: in 2008, Isi “banned women from purchasing cucumbers and prohibited the sale of ice cream because it did not exist during the time of the Prophet Muhammad”. 

Governance framework. The up-down structure of power is dominated by the caliph al-Baghdadi, who is helped by a personal advisor and two deputies, both former high rank officials in the Iraqi army. The first one is ex-general Abu Ali al-Anbari, head of operations in Syria. The second one is ex lieutenant colonel Fadl Ahmad Abdullah al-Hiyali (Abu Muslim al-Turkami), who has led military actions in Iraq. Moreover, there is a cabinet formed by 8 members and a military council of 13 people.

Source: The telegraph

Schermata 2015-02-27 alle 16.57.43

The government of Islamic State is composed by different ministries: from war operations to civil activities, passing through financial and political duties. It plans to introduce its own currency and promote the development of a system of Vilayaat (emirates) in the Middle East and the North Africa. So far, these vilayaat are the provinces of Salahuddin and Kirkuk, the South and Middle Euphrates, the Border (Syria-Iraq), Anbar and Baghdad. As Theodore Karasik reports, Daish ambition is huge: in an audio recording, al-Baghdadi reveals its plans “for building vilayaat and the naming of wulat [governors] to the lands of Saudi Arabia, Yemen, Egypt, Libya, and Algeria”. A project which has already started in the Libyan city of Derna, where hundreds of tribesmen declared their loyalty to al-Baghdadi. Another vilayaat could arise in Egypt, where jihadist group Ansar Bait al-Maqdis joined to Is troops.

Jihadist money. The Islamic State is a proto-state but it has not renounced its terrorist vocation. So, on the one hand, it imposes taxes, produces and sells primary goods, exports oil. On the other, it smuggles relics, holds foreign people to ransom and loots banks. Last year, thanks to a widespread racket system, the group collected 12 million dollars per month. It raised 36 million dollars selling ancient objects and robbed hundreds of thousand dollars from Mosul banks. In any case, the majority of caliphate financial resources depend on gas and oil.

Daish exploits Iraqi and Siryan oilfields. In 2014 the trade reached 70 million barrels per day, which means an average daily profit of 2 million dollars. A wealth which produces an image of power and prosperity, in contrast with the misery to which Iraqi and Syrian people, exasperated by years of poverty, abuses and civil wars,  seem to be condemned. In this way the caliphate, combining stick and carrot, offers to them an exit point that is, simultaneously, authoritarian and compassionate. Quoting the political official of Islamic Front:

“Isis is definitely expanding. It has a lot of money and right now, Syrians are so poor. Money changes everything. People will turn to and support extremism out of desperation”.

 Dataviz. Follow the link:

Foreign fighters in Syria and Iraq. Map and bar chart

Trenord, il treno ritarda e i macchinisti guadagnano di più

treniIl tempo è denaro. E se i pendolari ne perdono tanto, quando il treno faritardo, i macchinisti ci guadagnano. Quelli di Trenord sono accusati di rallentare deliberatamente le corse per incassare più soldi. Pratica dovuta a un vizio del contratto aziendale. Che premia chi lavora più ore. Ma che promuove l’inefficienza e che scatena la rabbia delle oltre 670 mila persone che abitualmente usano le ferrovie lombarde per spostarsi.

Un paradosso, rivelato da una denuncia anonima di tre macchinisti della linea Milano – Cremona – Mantova: “Su questa linea, ogni volta che un treno accumula 20 minuti di ritardo ci fa guadagnare 13 euro”. Questo perché a differenza che in Trenitalia, per i 1.200 macchinisti di Trenord (su un totale di 4.200 dipendenti), la retribuzione è proporzionata alle ore di lavoro: la prima è pagata 6 euro, la terza 9, la quarta 12. Senza contare il bonus di condotta: 15 euro alla terza ora di guida, 25 alla quarta, 30 alla quinta e 40 per la settima. E allora via ai ritardi cronici: in fondo siamo in tempo di crisi e una busta paga più pesante fa piacere a tutti.

Una beffa per i cittadini, confermata anche dall’amministratore delegato dell’azienda Cinzia Farisé: “La situazione mi è stata chiara fin dai primissimi giorni di presenza in azienda, quando ho incontrato e dialogato direttamente con il personale”. Un danno d’immagine per la società regionale di trasporto, ha precisato l’ad, cui bisogna subito porre rimedio: “l’azienda è da due mesi in piena trattativa sindacale per rimuovere questo articolo del contratto di lavoro che può indurre a comportamenti scorretti. È una delle nostre priorità al tavolo delle relazioni industriali”. La Farisé si riferisce all’articolo 54 che, in estrema sintesi, destina più soldi a chi lavora di più. Una sorta di premio al lavoro straordinario, erogato invece a chi è più furbo.

Fortunatamente però, se l’occasione fa l’uomo ladro, in questo caso non tutti ne approfittano. Sarebbero 25, al massimo 30, i “macchinisti lumaca”. Intervistato dal Corriere della Sera, il segretario regionale dell’Organizzazione sindacati autonomi e di base Adriano Coscia precisa: “Non più del 2-3% del totale. Si tratterebbe di casi isolati, perché la stragrande maggioranza lavora con professionalità e onestà”. Alza le barricate contro le accuse Rocco Ungaro della Filt Cgil Lombardia:

“Non ci risulta che ci siano macchinisti che facciano la cresta, allungando i tempi di viaggio. Non si deve gettare la croce addosso ai lavoratori per i disagi e i disservizi. Se l’azienda ha rilevato delle irregolarità si rivolga alla magistratura”.

I vertici dell’impresa si difendono: “Le cause del ritardo sono altrove”. E ricordano il miglioramento della performance negli ultimi due mesi: le 2.300 corse quotidiane hanno registrato un aumento della puntualità del 10%. I passeggeri però non la pensano allo stesso modo. Sul suo profilo Facebook, una pendolare della provincia di Varese ha pubblicato le foto dei cartelloni di Trenord, indicanti il messaggio di ritardo, scattate lo scorso anno. gennaio febbraio-760x1024 La ragazza si chiama Gaia Daverio e prende tutti i giorni il treno diretto alla stazione Cadorna di Milano:

“10 minuti oggi, 5 minuti domani… Ma quanti minuti di ritardo farà il treno in un anno intero? Ho così deciso che da quel giorno mi sarei appuntata tutti i ritardi subiti dai treni che sono costretta a prendere 5 giorni a settimana per praticamente tutto l’anno”

Rilanciato da il Post, il calendario 2014 dei ritardi mostra la scoperta di Gaia: 2.415 minuti, vale a dire circa 40 ore. Più di un giorno e mezzopassato su una banchina.

«Questo esperimento è stato fatto esclusivamente per gioco, per occupare quel tempo passato ad aspettare il treno che non arriva; senza pretese di ottenere qualcosa da Trenord. Oggi io – come altre centinaia di persone ogni giorno – mi sono presentata in stazione, ho pagato il mio abbonamento maggiorato, ho aspettato qualche minuto prima che il treno arrivasse. Niente è cambiato e niente cambierà rispetto a ieri o rispetto all’anno scorso»

La classifica delle peggiori. Trenord non è sola nel panorama dei disservizi ferroviari italiani. A farle compagnia ce ne sono tante altre. Alcune diventate ormai leggenda. Come la celebre Circumvesuviana, forse la più dissestata della Penisola. Un trofeo della vergogna meritatissimo, se si consultano i dati di Legambiente. Dal 2011 al 2013 la riduzione delle corse è stata del 40% e nel parco treni ci sono 83 esemplari costruiti negli anni ’70, 35 negli anni ’90 e ben 24 nel 2008/2009: peccato che quest’ultimi non sono utilizzati per problemi strutturali. I mezzi in dotazione sono 142, ma solo 42 circolano quotidianamente, quando ne servirebbero altri 92 per soddisfare il fabbisogno pubblico. I vagoni sono sovraffollati, le stazioni pure. E l’hinterland campano, ormai rassegnato, è tornata a tirare fuori la macchina dal garage per andare a lavoro.

Al secondo posto, i pendolari della linea FL8 Roma-Nettuno. Salire in carrozza in questo caso diventa quasi impossibile: sempre pieni. Al punto che, per lavoratori e studenti, è quasi diventata una condizione esistenziale quella di fare il viaggio schiacciati come sardine. Il ritardo cronico è la regola.  Ritardi monitorati nel 2013 chart-23Beffa grande invece per i pendolari piemontesi. Il costo dei biglietti è aumentato e le corse sono diminuite. Dal 2010 a oggi cancellate 13 linee: Santhià-Arona, Pinerolo-Torre Pellice, Cuneo-Saluzzo-Savigliano, Cuneo-Mondovì, Ceva-Ormea, Asti-Castagnole-Alba, Alessandria-Castagnole-Alba, Asti-Casale-Mortara, Asti-Chivasso, Novi-Tortona, Alessandria-Ovada e Vercelli-Casale Monferrato. E a riprova che si tratta di un problema tutto italiano, disservizi anche inVeneto: sulla tratta Padova-Belluno-Calalzo, si legge nel rapporto, “gli utenti lamentano un peggioramento della qualità del servizio, con ritardi e soppressioni a sorpresa e senza alternative sostitutive su gomma”.

In crisi le linee di Arquata Scrivia-Genova Brignole – che collega Genovacon il Piemonte – e la rotta Mantova-Cremona-Milano. Lentezza dei collegamenti, sovraffollamento, insufficienza delle carrozze, sporcizia e disagi vari sono le lamentele di pendolari inferociti. Che in Sicilia a volte non riescono neppure a fare il biglietto: le stazioni sono quasi del tutto scomparse nelle province di Siracusa, Ragusa e Caltanissetta. Sulla linea Siracusa-Ragusa-Gela, in particolare, si è registrato un peggioramento rispetto al passato: i tempi di percorrenza sono superiori a quelli di 20 anni fa.

Dalle Alpi al Mediterraneo, passando per la Capitale. Perché se tutte le strade portano sempre a Roma, le ferrovie a volte non ti ci fanno arrivare. La linea Campobasso-Isernia-Roma ha i suoi problemi: treni antichi rendono gli spostamenti poco efficienti. E i tanti pendolari che si muovono dal Moliseormai sono costretti a prendere l’auto.

In cauda venenum: Potenza-Salerno. I treni non raggiungono i 50 Km oraridi velocità media e impiegano due ore e mezza per arrivare a destinazione. La distanza che coprono è di 105 km, niente di più niente di meno. E non fanno differenza regionali o intercity tra andata e ritorno: cambiando l’ordine degli addendi, il risultato è lo stesso. Per finire in Emilia-Romagna, sulla linea Bologna-Porretta Terme. Gli utenti – almeno 10mila al giorno, con punte di 20mila persone – denunciano un paradosso: i treni a doppio piano abbondano in orari di scarso afflusso, mentre i convogli sono insufficienti in orari di punta.

Tabella dei tagli e aumenti tariffari dal 2011 al 2013

Regioni 2011-2013
Media dei tagli ai servizi Media aumenti tariffe
Abruzzo -21% +25,4%
Calabria -16,3%
Campania -19% +23,75%
Emilia-Romagna -5,9% +14,4%
Friuli Venezia Giulia +14,9%
Lazio -3,7% +15%
Liguria -20,8% +41,24
Lombardia +23,4%
Marche -14,3%
Piemonte -9,75% +47,3%
Puglia -15% +11,3%
Sicilia -10%
Toscana -6,2% +21,8
Umbria -5,9% +25%
Veneto -3,35 +15%

Legambiente 2013

Pubblicato su Reporter Nuovo

Venezuela, ucciso 14enne durante proteste anti-governative

Boy with blood on his chest and hand gestures in front of police after 14-year-old student Kluiver Roa died during a protest in San Cristobal

Riverso in una pozza di sangue. Senza vita. L’ultima vittima degli scontri in Venezuela si chiama Kluiver Roa. Un ragazzino di 14 anni, che ieri pomeriggio è stato ucciso durante manifestazione anti-governativa dovuta alla crisi economica nel Paese. Un colpo alla testa, probabilmente un proiettile di gomma, riferiscono le autorità locali. Ma sufficiente a spaccargli il cranio, lasciandolo morto sull’asfalto.

Video del ragazzo ucciso

Le proteste, avvenute a San Cristóbal, nello stato di Táchira, sono subito degenerate in scontri con le forze di sicurezza. Le immagini delle agenzie mostrano il ragazzo, studente nel liceo di Agustín Codazzi, a terra in strada, con la testa spaccata: secondo le autorità sarebbe morto dopo essere stato portato in ospedale. Arrestato il poliziotto che avrebbe sparato. Si chiama Javier Mora Ortiz, anche lui giovane, di 23 anni: in corso le indagini per accertare la dinamica del caso. Le versioni sono contradditorie. Alcuni testimoni sostengono che la vittima non aveva preso parte ai tumulti: il ragazzo era appena uscito di scuola e si era nascosto sotto una macchina quando è stato colpito. La polizia racconta invece di essere stata attaccata da un gruppo di ragazzi incappucciati e di aver sparato per disperdere gli assalitori: Roa sarebbe stato raggiunto così da un proiettile.

Focolai di agitazione sono durati per tutto il pomeriggio, fino a sera. Quattro anni fa la città fu l’epicentro di una serie di manifestazioni contro il presidente Nicolas Maduro. Cortei, scioperi, e raduni durarono 4 mesi, innescando duri confronti con gli agenti di polizia: il bilancio di quei giorni fu di 43 morti.

Video delle proteste dell’anno scorso

A distanza di un anno, la Repubblica bolivariana è ancora piegata dal dissenso interno. I movimenti di opposizione hanno condannato l’esecutivo chavista per la morte dell’adolescente. Dimostranti e politici hanno espresso la loro rabbia su twitter, criticando Maduro. E hanno chiesto a José Vielma, governatore di Táchira, di fare un passo indietro e rassegnare le dimissioni.

Il presidente ha fatto la sua comparsa in Tv. E in un discorso a reti unificate ha condannato l’uccisione del giovane:

“Proteste violente non hanno senso. Mi appello al Paese e soprattutto ai giovani, lasciate perdere la violenza. L’odio non porta a niente. Se u funzionario del governo ha infranto la legge sarà punito”

Tuttavia le parole dell’ex delfino del comandante Hugo Chávez non hanno sortito l’effetto sperato.

Decapitare l’opposizione. La tensione in Venezuela rimane alta. La morte di Roa avviene dopo che, con un decreto, l’esecutivo ha autorizzato l’uso della violenza, anche letale, per reprimere manifestazioni e riunioni pubbliche. E segue l’arresto del sindaco di Caracas, Antonio Ledezma, anti-chavista e oppositore.

Video dell’arresto di Antonio Ledezma

Ledezma è in carcere da venerdì scorso, accusato di associazione a delinquere e di cospirazione ai danni di Maduro: l’obiettivo dell’alcalde della Capitale sarebbe stato quello di realizzare un golpe. Con lui, nella prigione militare di Ramo verde, anche il leader dell’opposizione Leopoldo López, arrestato un anno fa dopo essere stato accusato dal presidente di terrorismo e omicidio. Dal suo account twitter, la moglie Lilian Tintoriha lanciato una serie di messaggi in sostegno a Ledezma.

In questi ultimi mesi l’esecutivo chavista ha cercato di arrestare l’ondata di dissenso, accusando dicomplottismo i suoi avversari politici. Il Paese affoga da tempo in un pantano economico e sociale: quest’anno sono previste le elezioni parlamentari e Maduro sta prendendo le dovute contromisure. Come la decisione di destituire la deputata María Corina Machado, alla testa delle manifestazioni del 2014. O l’iniziativa di un gruppo di parlamentari della maggioranza, che lunedì scorso hanno accusato di tentato colpo di mano uno dei capi dell’opposizione all’Assemblea nazionale. Si tratta di Julio Borges, coordinatore nazionale del partito Primero Justicia, che in un articolo pubblicato oggi sul quotidiano spagnolo El País critica la radicalizzazione e la violenza del governo.

Schermata-2015-02-25-alle-16.23.01

Le misure adottate da Maduro hanno anche spinto la Commissione interamericana dei diritti umani a chiedere un cambio di rotta: “Le voci dell’opposizione sono imprescindibili per una società democratica”.

Uno stato di emergenza. Per le forze anti-chaviste il Venezuela è in ginocchio. Scivolato in una profondaspirale inflazionistica, con i supermercati vuoti e tassi di criminalità da record, il Paese è lo spettro di se stesso. Neppure il petrolio, le cui enormi riserve da sempre costituiscono il propulsore economico nazionale, può qualcosa contro la crisi. Il prezzo degli idrocarburi continua a cadere. Gli investimenti privati esteriscarseggiano e la valuta è quasi carta straccia: l’inflazione ha raggiunto quota 64%. Il volume dell’economia si è ridotto del 4%, la produzione è in calo e i venezuelani fanno la coda per ore pur di portare a casa latte e sapone. La recessione non è più nascosta neppure dal governo, che accusa Stati Uniti e forze di estrema destra di utilizzare ogni mezzo per contrastare il modello del Socialismo del XXI secolo, mutuato dal colonnello Chávez. Le proteste di questi mesi, come quelle dello scorso anno, sono considerate da Maduro uno strumento di agenti esterni, che puntano a rovesciare la sua leadership.

Pubblicato per Reporter nuovo

Capodanno cinese a Roma, comincia l’anno della capra

Copertina_capodanno

La Cina festeggia con Roma l’inizio del nuovo anno. Dragoni rossi, arti marziali, spettacoli esotici e acrobazie orientali. Piazza del popolo è, per un pomeriggio, un teatro all’aperto. Canti, balli, fuochi d’artificio e musiche orientali, in un’atmosfera cosmopolita che avvicina mondi lontani.

Pechino è conosciuta come la festa di primavera. Oggi è capodanno per circa un miliardo e mezzo di persone nel continente asiatico. Le iniziative per accogliere l’anno della Capra vanno avanti già da una settimana. E nella Capitale, i cinesi romani hanno deciso di celebrarlo ai piedi del Pincio. Tutti insieme, fino a sera, per scambiarsi gli auguri. E salutare l’anno che verrà.

 Fonte Voci di Roma