Greece debt crisis, a new reform plan to break deadlock

Greece has submitted a plan of economic reforms totalling €13bn late on Thursday, in order to get a three-year €53.5bn loan. The measures proposed by Alexis Tsipras leftist government include tax rises, pension reforms, privatisation and public spending cuts. Athens needs a third bailout to avoid a default and to prevent a possible euro exit.

On Friday, the greek parliament is set to discuss and vote the plan. The proposals will be considered by Eurozone finance ministers on Saturday and by European union leaders at a summit in Brussels on Sunday. The measures include:

– tax rise on shipping companies and scrapping tax discounts for islands
– unifying VAT rates at standard 23%, including restaurants and catering
– phasing out solidarity grant for pensioners by 2019
– €300m ($332m; £216m) defence spending cuts by 2016

An austerity measures package was rejected by more than 60 % of Greek voters last week, when a referendum was held on July, the 5th: since then, the Syriza-led executive has strenghtened its political mandate and refused to accept troika financial diktats. Although it seems that Tsipras wants to concede, in this last round of talks, the harsh reforms claimed by European commission, International monetary fund and European central bank, it now demands, in return, more than in the past: it aims at a renegotiation and restructuring of its huge debt, which reachs €320 bn.

Advertisements

Le cause della crisi in Grecia

La Grecia ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità molto prima di adottare la moneta unica nel 2001. La spesa pubblica, l’evasione fiscale, il gigantesco apparato statale e le carenze del settore privato spiegano solo in parte le difficoltà del paese. Due debolezze strutturali sono alla base della sua economia e, quindi, della crisi ellenica.

Lo squilibrio fiscale.  Ha caratterizzato la Grecia negli ultimi tre decenni. I governi di Atene hanno registrato continui deficit di bilancio, con il conseguente aumento del livello di indebitamento pubblico. Fino agli anni ottanta, quando il denaro preso a prestito era impiegato prevalentemente per gli investimenti, il debito pubblico costituiva il 25 per cento del Pil. Nel periodo successivo, i prestiti sono stati anche usati per stimolare i consumi interni e favorire un innalzamento del tenore di vita nel paese: così il debito pubblico è cresciuto, salendo all’80 per cento del Pil alla fine degli anni ottanta e arrivando al 110 per cento tra il 1994 e il 1999.

Con l’ingresso nell’eurozona, la Grecia ha beneficiato di un abbassamento dei tassi di interesse sul debito e di un più facile accesso al credito: prima della crisi, infatti, gli investitori pensavano che nessun governo dell’area euro potesse dichiarare default. Allo stesso tempo, la moneta unica, supportata dalla politica della Banca centrale europea, ha contribuito a ridurre l’inflazione in un paese in cui l’indicatore era sempre stato alto. I primi effetti di questi due fattori sono stati un aumento degli investimenti privati, dei consumi e della spesa pubblica. I governi di Atene hanno registrato un deficit pubblico medio tra il 1999 e il 2008 pari al 6 per cento del Pil. Nel 2008, il debito pubblico greco rispetto al Pil è stato del 110 per cento, il più alto nell’eurozona. Inoltre, la crescita dei consumi interni, dovuta a bassi tassi di interesse e alla maggiore liquidità in circolazione, hanno innescato un aumento del prezzo di beni e servizi, rendendo le esportazioni greche meno competitive.

Il deficit pubblico è la differenza tra quanto incassa e quanto spende uno stato in un anno. Il debito pubblico è la somma dei deficit pubblici accumulati nel corso degli anni.

Il rischio del default greco non è stato più trascurabile. Gli investitori hanno pretesto un maggior rendimento per acquistare bond ellenici; altri, meno coraggiosi, hanno cominciato a vendere quelli in loro possesso.

Lo squilibrio commerciale. La Grecia ha avuto uno dei più alti deficit nella bilancia dei pagamenti tra i paesi dell’area euro. L’aumento dell’inflazione e degli stipendi è stato superiore agli aumenti medi registrati nel resto dell’eurozona: così le esportazioni greche sono diventate più costose e meno appetibili sul mercato rispetto a quelle straniere. Una perdita di competitività che Atene ha sofferto insieme a Portogallo, Spagna, Irlanda e Italia, e che si è contrapposta al successo commerciale di paesi economicamente più sani, come la Germania, capaci di registrare un surplus sistematico nella bilancia dei pagamenti.

La bilancia dei pagamenti di uno stato è la differenza di valore tra le importazioni e le esportazioni di beni, servizi, flussi di capitale e trasferimenti unilaterali.

Questo divario ha contribuito all’impoverimento dei paesi della periferia europea. Nell’ottobre del 2013, il Tesoro statunitense aveva dichiarato che il surplus strutturale tedesco era alla base delle difficoltà dell’economia dell’eurozona. E spiegava le accuse così: “se un paese ha un surplus, un altro ha un deficit, perché l’eccesso di esportazioni e risparmi del primo deve essere assorbito dal secondo, in termini di investimenti, consumi o importazioni”. Se il paese con il surplus non fa niente per diminuirlo – ad esempio, attraverso investimenti domestici o alimentando i consumi interni – il paese in deficit ha un solo modo per ridurre le sue passività: tagliare investimenti e consumi.

Una cosa simile sembra essere accaduta nell’eurozona, dove la Germania risparmia il suo surplus e i paesi del Mediterraneo riducono il loro deficit, tagliando investimenti, consumi e importazioni. Ovviamente il paese creditore può sempre decidere di investire i propri risparmi finanziando i debiti di quelli in difficoltà. La Germania, in linea di principio, è pronta a farlo; ma non prima che la Grecia stringa ulteriormente la cintura.

The pink pill, the “female Viagra” for lack of sexual desire in women

pink pill It is known as the female Viagra. The pink pill, which would increase the female libido, has been approved by the Food and drug administration’s (Fda) advisory panel in the United States. The approval is not definitive, because the drug’s developer Sprout Pharmaceuticals must reduce the risks of side effects. Besides, the panel’s recommendation is not binding: regulators of Fda will take the final decision by August 18th, 2015.

The vote has fuelled an intense debate in the United States about the potentialities and the risks of the drug. Flibanserin, the little pink pill, acts in a different way as compared with its male equivalents. First of all, it is designed for women who have not gone through menopause. Secondly, it can cause physical problems, such as dizziness, low blood pressure and fainting.

The male Viagra, prescribed for fighting Erectile dysfunction (impotence), works at a biological level: it allows men to get an erection and to keep it up, augmenting the flow of blood in some parts of the body. Differently, Flibanserin should stimulate sexual desire in women, influencing the levels of two neurotransmitters, dopamine and serotonin. The pill should be ingested once a day, before going to bed, by women who suffer from Hypoactive sexual desire disorder. This condition may occur in up to one-third of adult women in the United States, according to some studies, and it is characterized by a deficiency or absence of sexual fantasies and desire for sexual activity that causes marked distress and interpersonal difficulty.

More than 11.000 women have taken part in clinical trials. As The New York Times reports:

“Three clinical trials testing flibanserin were consistent in their results. The women who took part were having an average of two to three of what they defined as ‘sexually satisfying events’ per month when the studies began. Once they started taking the drug, the number of such events increased, but by only about one event per month more than for women in the trial who got a placebo. Women getting flibanserin also reported on monthly questionnaires that they felt more desire, although the difference compared with a placebo was only about 0.3 points on a scale ranging from 1.2 to 6.0”.

In the past, Flibanserin was rejected twice by the Fda because of the side effects. The first time in 2010: on that occasion, regulators said that the poor positive effects did not justify the risks, which grow when women drink alcohol or take other drugs. And again in 2013, after Sprout Pharmaceuticals had bought it from the initial developer, Boehringer Ingelheim.

The panel’s recommendation has split up women. The opposers underline how insufficient and doubtful the advantages of the pill are; in particular, they point out that the drug was originally conceived as an antidepressant. Conversely, others consider the approval as a step forward and say that would be discriminating to forbid the use of the pill: they accuse the Fda of sexism, because it has permitted the sale of male viagras, but it doesn’t want to do the same now for women.

The origin of the Islamic State

It’s more than a jihadist group. Cruel in war, ruthless with its hostages, radical in purposes. The Islamic State (Is) has been trying to establish a caliphate throughout the Middle East and the North Africa. Cunning military strategists on the battlefield,  social network experts on the web, Is leaders are determined to eliminate each obstacle to the achievement of their project of grandeur.

The origin. The Islamic State (Daish in Arabic) was born from the ashes of al-Qaeda in Iraq. In 2003, Us troops intervened in Baghdad so as to oust Saddam Hussein. The Iraqi war had broken out: with the end of the dictatorial rule, the nationalist party in power (the Baath) was declared illegal and the army disbanded. The country was divided by ethnic and religious differences. The Shiites , the majority of population, started to administer the State in the post-Saddam era. The sectarian policy of the government, the discrimination and the violence suffered by minority groups (especially Sunnis) worsened the instability of the country and its domestic divisions. The ideal soil for the insurrectional strategy of Abu Musab al-Zarqawi.

Afghan war (1979-1989) veteran, al-Zarqawi was a Jordan mujahidin. After fighting against Soviets in Kabul, he came back to his motherland in order to try a coup against the monarchy. He failed and was arrested in 1994.  After 5 years in jail, he went to the Taliban Afghanistan, which was attacked by Us raids. Then, he flew to Iraq, where he pledged allegiance to al-Qaeda and founded Aqi (al-Qaeda in Iraq) in 2004.

The two organizations differed in some respects. On the one hand, Zarqawi used the violence in a brutal way because – he thought – it was necessary to purify corrupted society; conversely, Al-Qaeda leaders wanted to defeat apostate regimes avoiding, whenever possible, to harm the image of Jihad. On the other hand, al-Qaeda, founded by Osama Bin Laden and then directed by al-Zawahiri, wanted to be a Sunni foreign legion with a mission: defending Islamic territories from the western invasion. Differently, Aqi  aimed to create a Sunni caliphate in Baghdad: a new state, with its territory and its boundaries. Nevertheless, the alliance held on: al-Zarqawi network was a powerful fifth column in Iraq; Aqi, instead, attempted to make use of the most famous terrorist organization brand to fill the ranks and grow up.

To fulfill its goals, al-Zarqawi envisioned an effective strategy: provoking an institutional crisis in Iraq, fuelling a sectarian conflict between Sunnis and Shiites, two rivals of a zero-sum game for the conquest of political power. In 2006, the al-Askari Shiite mosque shelling in the city of Samarra triggered a bloody civil war.

Isis. That year al-Zarqawi died, killed by American artillery. The movement, which changed name in Islamic state of Iraq (Isi), was weak: the military Us advance in 2007 was impressive and new raids in 2010 annihilated the new leader Abu Omar al-Baghdadi. The battle appeared won and the White House brought troops home, leaving the management of security to Iraqi army. It was too soon. Isi was re-organizing very fast under the rule of Abu Bakr al-Baghdadi, who dreamt a great Islamic caliphate stretching from Iraq and Syria to Lebanon and Palestine, passing through Jordan. The jihadist group started to be known as Isis (Islamic State of Iraq and Syria) or Isil (Islamic State of Iraq and the Levant).

It was easy in Iraq. Us troops withdrew in 2011 but the Iraqi army, divided along sectarian lines, was not capable of facing a guerrilla war against jihadists: soldiers were not professional and their equipment was inadequate. Besides, the Shiite government of Nuri al-Maliki favored its ethnic and religious component, marginalizing the other groups: state police often killed pacific protesters and arrested Sunni civilians using terrorism law as a pretext. Isis leveraged these two elements to recruit militants and to prepare its war of conquest. A conflict which transformed soon into an epic fight, necessary and legitimated by god. A struggle which reached Syria, swallowed up  by civil war. In Damascus, al-Baghdadi launched an offensive against the regime of Bashar al-Assad, Alawite (Shiite branch) president, accused of having slaughtered Sunni population.

Syria Map (March 2014). Source: http://www.vox.com/

Syria_areas_of_control_March_2014

Overwhelming offensive. Jihadists conquered the Syrian North-east and set their stronghold up.  They consolidated their positions in the northern region of Iraq and destroyed the frontier between the two countries – established by Sykes-Picot agreement (1916), which gave to United Kingdom and France the control of, respectively, Iraq and Syria.

In occupied territories, Isis have imposed a radical version of Sharia law. It have obliged minority groups – as Christians and Yazidis – to run away. Militants have been executing Shiites and kidnapping foreign people, beheading them in front of cameras. By using internet and social networks, they have been spreading all over the world the images of their truculent acts. They have been publishing a magazine in many languages (Dabiq). They have been successful: foreign fighters and lone wolfs have been exporting Isis war beyond Middle East boundaries.

The Islamic state was proclaimed in June 2014, after Mosul collapse. Al-Baghdadi was appointed caliph. He began a war which will never end – he said – until Is flags wave over Rome.

o-COLOSSEO-Isis

Hegemonic ambitions. The Islamic State is not a guerrilla group or a transnational jihadist movement. It is an efficient and multi-level organization, radical in its aspirations and extremist in its ideology. Its aim is to develop a territorial state within delimited frontiers.

Today, the caliphate reigns over a region which stretches from Aleppo (Syria) to Fallujah (Iraq). An area which consists of 270.000 Km2 and includes the provinces of Al Anbar, Salhuddine, Ninive, Hama, Aleppo, Hassakè, Raqqa and Dier al Zour: a region which is almost as big as Italy, where they live 11 million inhabitants. The Is moves towards the West, with attacks in Lebanon. And it uses its bridge-heads in Libya in order to expand all over the North-Africa.

Domestic Policy. In the Middle East chaos reigns. The Islamic State, conversely, guarantees order and wellbeing inside its borders. As Charles Lister explains in “Profiling the Islamic State”, the caliphate have developed an efficient welfare state model, which is successful above all in contexts of great instability. In Iraq, al-Baghdadi have offered to Sunnis a viable alternative to oppressive Shiite regimes. Made of war, violence and submission to a radical interpretation of Sharia. But also structured as a bureaucratic and functioning organization, able to assure medical and social care, primary goods and education. After having conquered a new city, Is “officials” administer all aspects of public life: they levy taxes, pay soldiers with good wages and manage the justice. Often in an extreme way: in 2008, Isi “banned women from purchasing cucumbers and prohibited the sale of ice cream because it did not exist during the time of the Prophet Muhammad”. 

Governance framework. The up-down structure of power is dominated by the caliph al-Baghdadi, who is helped by a personal advisor and two deputies, both former high rank officials in the Iraqi army. The first one is ex-general Abu Ali al-Anbari, head of operations in Syria. The second one is ex lieutenant colonel Fadl Ahmad Abdullah al-Hiyali (Abu Muslim al-Turkami), who has led military actions in Iraq. Moreover, there is a cabinet formed by 8 members and a military council of 13 people.

Source: The telegraph

Schermata 2015-02-27 alle 16.57.43

The government of Islamic State is composed by different ministries: from war operations to civil activities, passing through financial and political duties. It plans to introduce its own currency and promote the development of a system of Vilayaat (emirates) in the Middle East and the North Africa. So far, these vilayaat are the provinces of Salahuddin and Kirkuk, the South and Middle Euphrates, the Border (Syria-Iraq), Anbar and Baghdad. As Theodore Karasik reports, Daish ambition is huge: in an audio recording, al-Baghdadi reveals its plans “for building vilayaat and the naming of wulat [governors] to the lands of Saudi Arabia, Yemen, Egypt, Libya, and Algeria”. A project which has already started in the Libyan city of Derna, where hundreds of tribesmen declared their loyalty to al-Baghdadi. Another vilayaat could arise in Egypt, where jihadist group Ansar Bait al-Maqdis joined to Is troops.

Jihadist money. The Islamic State is a proto-state but it has not renounced its terrorist vocation. So, on the one hand, it imposes taxes, produces and sells primary goods, exports oil. On the other, it smuggles relics, holds foreign people to ransom and loots banks. Last year, thanks to a widespread racket system, the group collected 12 million dollars per month. It raised 36 million dollars selling ancient objects and robbed hundreds of thousand dollars from Mosul banks. In any case, the majority of caliphate financial resources depend on gas and oil.

Daish exploits Iraqi and Siryan oilfields. In 2014 the trade reached 70 million barrels per day, which means an average daily profit of 2 million dollars. A wealth which produces an image of power and prosperity, in contrast with the misery to which Iraqi and Syrian people, exasperated by years of poverty, abuses and civil wars,  seem to be condemned. In this way the caliphate, combining stick and carrot, offers to them an exit point that is, simultaneously, authoritarian and compassionate. Quoting the political official of Islamic Front:

“Isis is definitely expanding. It has a lot of money and right now, Syrians are so poor. Money changes everything. People will turn to and support extremism out of desperation”.

 Dataviz. Follow the link:

Foreign fighters in Syria and Iraq. Map and bar chart

Alitalia, ascesa e declino di una compagnia aerea

Alitalia_airbusErano sull’altare, in piedi, l’una di fronte all’altro. Per celebrare un’unione, che sapeva poco d’amore e tanto d’interessi. Da un lato la sposa, Alitalia: una donna piena di debiti, con in dote il suo hub europeo. Dall’altro lo sposo, Etihad: un magnate del petrolio, con ambizioni di grandezza. Imprenditori e banchieri avevano da tempo preso posto, per assistere alla cerimonia. Molti i politici italiani in prima fila:  in fondo, era anche grazie a loro che i due “innamorati” si erano conosciuti. Alla fine però, le campane non hanno suonato a festa: un contratto pre-matrimoniale ha bloccato tutto. Almeno per il momento. Etihad Airways, compagnia aerea di stato degli Emirati Arabi Uniti,  aveva promesso di investire 500 milioni di euro nell’aerolinea italiana. Un aumento di capitale cospicuo, condizionato da alcune clausole. Prima di diventare azionista di maggioranza di Alitalia, lo sceicco voleva essere sicuro di non caricarsi sulle spalle un peso morto. Per questo, aveva avanzato diverse richieste, tra cui: il taglio di circa 3mila posti di lavoro e la rinegoziazione del suo debito (si pensa alla cancellazione di circa 400 milioni di euro). Oggi Alitalia ha una passività di circa un miliardo di euro. E in giro ci sono poche imprese dotate della liquidità necessaria a rilevare l’azienda tricolore. Così, il “prendere o lasciare” emiratino pare non lasciare alternative. Gli inizi. Eppure, un tempo, la nostra compagnia di bandiera era conosciuta come la “Freccia Alata”: il suo logo, un dardo scagliato da un arco su sfondo azzurro, era stato scelto per indicare l’efficienza e la velocità della sua flotta aerea. Alitalia ha vissuto la sua età dell’oro negli anni ’60. Per numero di passeggeri trasportati, il vettore italiano veniva subito dopo British Airways e Air France. A livello mondiale, invece, rappresentava il settimo operatore internazionale per traffico realizzato. Una posizione di semi-primato, che è durata poco. Nei decenni successivi, le potenze europee avviarono una graduale liberalizzazione del settore: furono aperti nuovi spazi aerei da conquistare e la guerra si prospettò costosa. Alcuni Stati considerarono la privatizzazione la migliore arma per combatterla: le aziende furono quotate in borsa e reperirono sul mercato i fondi per espandersi. Fu la strada seguita da Londra: il premier Margaret Tatcher privatizzò la British Airways nel 1987. E ancora, da Parigi. Air France completò una fusione con la Klm, la Compagnia Reale d’Aviazione olandese: la partecipazione azionaria dello stato francese fu ridotta sensibilmente e la nascente Air France-Klm divenne, di fatto, privata.  Diversamente, Alitalia fu in parte privatizzata nel 1996: ma il ministero del Tesoro continuò a conservarne il controllo effettivo. Il declino. Con la liberalizzazione, il mercato del trasporto aereo crebbe: tuttavia, la quota di Alitalia si ridusse. Nel 1995, la compagnia tricolore era scelta dall’80% dei passeggeri che viaggiava sulle rotte nazionali italiane e da circa un terzo di quelli diretti in Europa o in altri continenti. Nel 2005, l’aerolinea della Penisola trasportava il 40% delle persone sulle rotte domestiche, il 15% su quelle europee e il 30% su quelle intercontinentali. Di fronte a un mercato in espansione, Alitalia disponeva di un numero limitato di velivoli: gli spazi lasciati vuoti furono conquistati dai vettori concorrenti. Inoltre, la compagnia tricolore puntò molto sulle brevi distanze, come la tratta Roma-Milano, finendo per essere sconfitta dalle low cost o dall’alta velocità ferroviaria. E, intanto, sottovalutava l’importanza delle rotte intercontinentali. Il prof. Cesare Pozzi, ordinario di Economia dell’Impresa all’Università Luiss di Roma, ci spiega: “Germania, Gran Bretagna e Francia hanno favorito le compagnie aeree nazionali, rafforzandole: hanno gestito le tariffe aeroportuali in modo da aiutare i vettori a conseguire i propri obiettivi. Il nostro Paese non ha sostenuto lo sviluppo della sua compagnia di bandiera. Se Alitalia avesse acquistato Klm, sarebbe diventato il più grande vettore europeo. Ma per problemi di bilancio e scelte politiche abbiamo rinunciato a questo progetto, che avrebbe aumentato le nostre rotte internazionali”. Il sistema Italia ha la sua parte di responsabilità: non ha creato un assetto istituzionale in grado di aiutare Alitalia a produrre effetti positivi per il Paese. Continua il prof. Pozzi: “L’Italia è un’economia manifatturiera ed esportatrice, con un grande potenziale turistico. Le reti di trasporto e mobilità della Penisola assumono quindi un’importanza strategica: dovrebbero essere integrate, per garantire contiguità territoriale e inserimento nei network produttivi, commerciali e finanziari globali. Invece, le autorità si ostinano a considerare ferrovie e aeroporti come due entità distinte. Consideri la tratta Roma-Milano: non solo la compagnia di bandiera si confronta con i treni super-veloci; come se non bastasse, sulla stessa rotta in passato operava anche un altro vettore, Air One. Con il risultato che le due aziende aeree si sono indebolite reciprocamente. Altro problema, poi, sono state le tante società di gestione aeroportuale in lotta fra loro e la presenza di due hub sul territorio nazionale, Roma Fiumicino e Milano Malpensa: unico caso fra i Paesi con dimensioni simili al nostro”. Tra salvataggio e conquista. Nel 2006, Alitalia era sull’orlo del fallimento. Il governo di Romano Prodi cercò di venderla ad Air France-Klm, al prezzo di 1,7 miliardi di euro. L’accordo prevedeva la riduzione della flotta italiana e più di 2mila esuberi. I sindacati insorsero e l’esecutivo di Silvio Berlusconi, eletto nel 2008, pose fine alle trattative. Il nuovo governo, infatti, voleva “preservare l’italianità dell’azienda”. Per questo, una cordata di imprenditori italiani costituì una società, per rilevare il vettore nazionale: la Compagnia Aerea Italiana. La famiglia Riva, il gruppo Ligresti, la Benetton, i Marcegaglia, i Caltagirone, il gruppo Gavio e Marco Tronchetti Provera furono i protagonisti dell’iniziativa, sostenuta anche dall’istituto bancario Intesa Sanpaolo. Conosciuti come i “capitani coraggiosi” o “i patrioti”, ebbero il compito di cambiare il destino di Alitalia. Non ci riuscirono. E, oggi, gli arabi cercano di sostituirli. Con finalità diverse. Il prof. Pozzi commenta: “James Hogan, amministratore delegato di Etihad, non intende solo sfruttare i flussi turistici italiani e la clientela business. Gli Emirati sono interessati a dare un ruolo centrale ad Abu Dhabi, come snodo dei traffici globali”. Così, un’ipotesi potrebbe essere l’utilizzo di Fiumicino come un “sotto-hub”: gli aerei italiani volerebbero in direzione della penisola araba e decollerebbero poi da Abu Dhabi verso il resto del mondo. La Germania guarda con sospetto le trattative: “la tedesca Lufthansa rimane sempre un operatore locale in Europa. Per questo motivo è potenzialmente aggredibile”, aggiunge il docente di Economia. Lo sceicco già controlla l’irlandese Aer Lingus e la tedesca Air Berlin, oltre ché la svizzera Darwin, l’indiana Jet, l’Air Serbia, l’Air Seychelles e la Virgin Australia. E presto potrebbe aggiungere anche Alitalia. Una politica di potenza che sembra non avere ostacoli.

Uruguay legalizza marijuana

Manifestanti uruguayani a favore della legalizzazione della cannabis
Manifestanti uruguayani a favore della legalizzazione della cannabis

Dopo un lungo dibattito al Senato durato circa dodici ore, la proposta di legge sulla legalizzazione della marijuana è stata approvata. Così, martedì dieci dicembre l’Uruguay è divenuto il primo paese al mondo dove è legale coltivare, vendere e consumare cannabis.

Il provvedimento, che entrerà in vigore non prima del prossimo aprile, era già passato al vaglio della Camera nel luglio scorso: la maggioranza dei deputati aveva detto sì alla misura, giustificandola come uno strumento per contrastare il traffico illegale di stupefacenti e indebolire i potenti cartelli della droga.

Secondo il testo della norma, i maggiorenni uruguayani iscritti in un apposito registro potranno acquistare nelle farmacie autorizzate fino a 40 grammi di marijuana al mese. Un’iniziativa politica che rappresenta,a livello internazionale, una cesura rispetto al passato: non solo perché va al di là della semplice depenalizzazione o tolleranza del consumo di cannabis, riscontrabile in alcuni paesi (in primis, l’Olanda); ma anche perché crea un mercato regolarizzato che va contro quell’approccio proibizionista con cui i governi erano soliti affrontare la questione.

Questa misura è stata fortemente voluta dal governo progressista del Presidente José “Pepe” Mujica, in passato guerrigliero del movimento rivoluzionario di sinistra Tupamaros e rinchiuso in carcere per 14 anni durante la dittatura militare del 1973. L’iniziativa legislativa rientra in un più vasto programma di riforme liberali sul piano dei diritti civili: da quando Mujica ha assunto la guida del paese infatti, è riuscito a far legalizzare l’aborto e a far riconoscere il matrimonio fra persone dello stesso sesso. Allo stesso tempo, il provvedimento viene presentato come uno strumento nuovo per combattere il fenomeno del narcotraffico: le politiche aggressive adottate in passato, basate essenzialmente sul principio della proibizione del consumo di stupefacenti, non hanno sortito gli effetti sperati, dimostrandosi, in alcuni casi, deleterie.

L’opposizione alla legge in Parlamento non è mancata: deputati e senatori hanno contestato la norma, perché potrebbe aumentare il tasso di criminalità anziché ridurlo. Alcuni legislatori si sono spinti più in là, dichiarando la misura incostituzionale. Il settimanale The Economist riporta alcuni sondaggi, che mostrano come la maggioranza della popolazione uruguayana (il 58%) sia contraria alla legalizzazione della cannabis. Critiche sono arrivate anche dall’Organo Internazionale per il Controllo degli Stupefacenti (INCB,  International Narcotics Control Board), incaricato dalle Nazioni Unite di garantire il rispetto delle convenzioni Onu in materia di droghe: secondo l’INCB infatti, il disegno di legge approvato dal Parlamento di Montevideo viola il trattato del 1961 (Convention on Narcotic Drugs), che proibisce la produzione e la vendita di tutte le droghe non utilizzare a scopi scientifici o medici.

Nonostante l’ostilità, interna e internazionale, al provvedimento, Mujica ha raggiunto il suo obiettivo. Diversi sono stati i fattori che hanno giocato a suo vantaggio. Difatti, la solida maggioranza che la coalizione del Frente Amplio detiene in entrambe la camere non basta da sola a spiegare questo suo successo.

Primo fra tutti, i risultati deludenti della guerra al narcotraffico. Secondo uno studio realizzato dal International Centre for Science in Drug Policy e pubblicato dal British Medical Journal, le droghe in circolazione sono sempre più pure e sono vendute a prezzi sempre più bassi: i dati rilevati mostrano un significativo aumento del commercio di stupefacenti. Il prezzo di eroina, cocaina e cannabis è diminuito dell’80% negli Stati Uniti fra il 1990 e il 2007, mentre la qualità media è cresciuta, del 60%, dell’11% e del 161% rispettivamente. Nel 2005 le Nazioni Unite stimarono i volumi globali di vendita delle droghe per un valore di 320 miliardi di dollari. Come ha scritto il giornalista Richard Branson, se “questo traffico illegale fosse un paese, sarebbe una delle 20 economie più grandi al mondo”.

Al di là dei costi economici sostanziosi per arrestare i narcotrafficanti, incarcerare gli spacciatori, distruggere le piantagioni e i laboratori di produzione, finanziare il recupero fisico dei tossicodipendenti e sostenere campagne di sensibilizzazione contro l’uso di droghe, l’adozione di misure repressive ha causato anche numerose vittime. Emblematico in questo senso è il caso del Messico.

A partire dal 2006, l’ex presidente messicano Felipe Calderón ha lanciato una serie di offensive sul territorio per annientare i cartelli della droga. Gli Stati Uniti hanno fornito il know how e i fondi necessari al governo di Calderón per ingaggiare una guerra che si è trascinata per diversi anni, lasciando sul campo di battaglia circa 40 mila morti. Dal 2006 fino al 2012 (anno in cui il nuovo presidente Enrique Peña Nieto ha assunto la guida del paese) sono stati impiegati più di 50 mila soldati nel conflitto e sono stati investiti miliardi di dollari per equipaggiarli ed addestrarli. Inoltre, l’esecutivo ha cercato di riformare il sistema giudiziario nazionale, macchiatosi spesso, secondo analisti e osservatori indipendenti, di episodi di corruzione. L’offensiva militare contro i cartelli messicani ha acuito il clima di tensione e violenza nel paese. Come segnalato da Human Rights Watch, sono stati documentati più di 170 casi di tortura, 39 sparizioni e 24 esecuzioni sommarie.

Altro elemento che ha favorito l’iniziativa di Mujica è stato l’impatto esercitato sull’opinione pubblica latinoamericana da due eventi. Il primo, l’appello dell’ex presidente messicano Ernesto Zedillo, dell’ex presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso, dell’ex presidente colombiano Cesar Gaviria in favore della depenalizzazione dell’uso personale della marijuana e di un cambiamento nel modo di affrontare il problema del narcotraffico. Il secondo, il referendum indetto nel Colorado e a Washington nel 2012, in cui la maggioranza degli elettori dei due stati votò per la legalizzazione della marijuana a scopo ricreativo.

É ancora presto per sapere se l’iniziativa di Mujica avrà gli effetti sperati. Per il momento, la nuova legge ha iniziato a ridefinire le basi del dibattito sulla lotta alla droga.

Facebook
Twitter
More...