Muore il generale Aussaresses: il boia della guerra algerina

È morto a 95 anni il generale francese Paul Aussaresses.L’uomo ha ammesso di avertorturato e ammazzato 24 rivoluzionari, fatti prigionieri durante la guerra di indipendenza algerina. Non ha mai provato rimorso per queste azioni, che ha anche giustificato: “diventa legittimo quando la situazione lo richiede”.

Aussaresses aveva difeso l’uso della tortura e di altri crimini di guerra in un suo libro, uscito nel 2001, e intitolato: “La Battaglia di Casbah: Terrorismo e Controterrorismo in Algeria, 1955-1957”. Nell’opera, inoltre, aveva accusato il governo francese di aver “ignorato se non apertamente raccomandato” l’uso della tortura. Proprio per queste dichiarazioni nel 2002 era stato condannato da un tribunale francese a pagare una multa di 7.500 euro, dopo essere stato privato dei suoi gradi e della Legione d’Onore.

Il lavoro di Aussaresses, divenuto un bestseller, descrive le diverse forme di violenza adottate durante il conflitto, come il soffocamento con l’acqua e l’uso di scosse elettriche: strumenti “efficienti” secondo l’autore, che ha ribadito di essersi limitato a eseguire ordini provenienti dall’alto.

Nato nel 1918, Aussaresses aveva combattuto nel secondo conflitto mondiale, mentre negli anni ’50 aveva condotto i paracadutisti francesi nella prima guerra d’Indocina. Nel 1957 è stato inviato in Algeria, dove ha guidato quella che ha definito “una squadra della morte, responsabile di arrestare, torturare ed eliminare terroristi”.

Durante gli anni sessanta si è improvvisato docente di strategie di anti-terrorismo a Fort Bragg, nel North Carolina, Stati Uniti: qui ha insegnato alle forze speciali dei Berretti Verdi le tecniche di battaglia già adottate in Algeria. Nel decennio successivo si è poi spostato negli stati dell’America Latina, dove ha esportato le sue conoscenze in tema di guerriglia contro-insurrezionale. Come rivelato dagli attivisti dell’organizzazione umanitaria “Action by Christians for the Abolition of Torture” in un comunicato: “Il generale Aussaresses non solo ha praticato la tortura, ma ne ha anche insegnato le tecniche in programmi clandestini” ai militari al potere nelle dittature latinoamericane.

Fonte ReporterNuovo.it

Facebook
Twitter
More...

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s